Social

 

Questo articolo è scritto con il contributo di 4 studentesse di un liceo di Roma in base alle loro esperienze di vita quotidiana sui  social network.

I social network sono uno strumento oramai indispensabile tra gli adolescenti per comunicare tra loro, con il rischio di un cambiamento storico dei rapporti sociali e dell’ interazione con il mondo circostante. L’ associazione culturale studentesca Future Is Now ha  condotto uno studio su un campione di 900 studenti della città di Roma  ( età compresa tra 14 e i 19 anni ) . Abbiamo rilevato che i principali social network utilizzati sono instagram e whatsapp strumenti di difficile monitoraggio e controllo esponendo quindi gli adolescenti a rischi sempre maggiori.

Appare evidente come le istituzioni siano distanti dai giovani sulla conoscenza dell’ utilizzo dei social, nelle numerose condotte da osservatori ,forum, siti e portali web rivolti al mondo degli studenti non si rileva l’ampio uso da parte degli adolescenti sull’ utilizzo di instagram e whatsapp.

Anche il modo di comunicare delle nuove generazioni è profondamente cambiato,  le classiche telefonate sono sostituite dalla messagistica istantania (whatsapp, telegram,facetime) che non consente quindi un facile controllo delle interazioni dei minori con il mondo esterno.

Gli episodi di bullismo e cyerbullismo, sexting possono quindi verificarsi più facilmente senza che vengono scoperti da genitori o tutori, ciò non toglie che come dimostrato da recenti fatti  di cronaca  anche blog, forum e siti internet possono condizionare profondamente gli adolescenti in rischio di condurre ad azioni o comportamenti  illegali o dannosi per la loro salute.   Il dialogo tra scuola e famiglia e tra studenti è fondamentale per prevenire episodi di bullismo e cyberbulissmo e sexting nella società iperconnessa, la fiducia e il rapporto genitori figli è fondamentale in quanto monitorare  le attività e l’utilizzo dei social da parte degli adolescenti  è impossibile.

 

In copertina la definizione di bullismo scritta su una lavagna dagli studenti.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *