No al decreto che limita il diritto allo studio

Preoccupante il decreto a firma dell’ex Ministro Fioramonti  che lede il diritto allo studio degli studenti (soprattutto lavoratori) delle facoltà di psicologia e scienza della formazione.

Il giorno 10 Gennaio 2020, il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi ha comunicato attraverso il suo sito la fine dei corsi di laurea triennale e magistrale di Psicologia delle università telematiche, dichiarandole “assolutamente incompatibili con la natura sanitaria della professione “poiché, grazie al decreto legge Lorenzin del 2017, la professione di Psicologo ha ottenuto la qualifica a professione sanitaria. Tale qualifica ha portato poi alla produzione del
decreto ministeriale del 23/12/19, firmato dall’ex Ministro dell’Istruzione Fioramonti , emanato lo stesso giorno delle dimissioni del Ministro, generando confusione e danneggiando gli studenti senza assumersi alcuna responsabilità delle proprie azioni.
Filippo Pompei Presidente Future Is Now:
Nella coscienza di ognuno di noi, se è intemerata, non si incrina mai la responsabilità dell’adempimento del proprio mandato, mi impegnerò per chiedere al nuovo Ministro Manfredi un intervento nel rispetto della disciplina normativa delle università telematiche contenuta in fonti statali di rango primario e regolamentare, in coerenza con quanto previsto dalla risoluzione sull’e-learning del Consiglio dei ministri dell’istruzione dell’Unione europea del 13 luglio 2001.
Altro impegno che l’associazione adotterà sarà quello di promuovere sui propri canali la petizione sul portale change.org e se necessario supportare gli studenti dell’Università organizzando una protesta come associazione al dicastero dell’istruzione. FIRMA LA PETIZIONE CLICCANDO QUI
Lo scandalismo crea solo un clima di incertezza nei confronti delle istituzioni, pertanto se le stesse si attivano con senso di responsabilità nell’adempimento delle proprie funzioni , si creano argini a sterili polemiche politiche di cui tanto parlano gli esponenti di questo esecutivo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *