La Buona alternanza

Lanciata quest’oggi a Roma la campagna nazionale Finas “La Buona alternanza”  volta a promuovere Best Practies di alternanza scuola-lavoro raccontate da studenti

Gli studenti che sono i veri protagonisti di questi percorsi  dovranno raccontare le loro esperienze con dei video-racconti dalla durata massima massima di 5 minuti che verranno caricati sul canale Youtube ufficiale della campagna nazionale “La Buona alternanza” promossa dall’associazione Future Is Now FINAS.
La Campagna sarà diffusa anche tramite i social Network con gli Hasthag :

  • #labuonalternanza
  • #alternanzachefunziona

Per la prima volta gli studenti racconteranno  la loro esperienza in materia di alternanza nell’ottica della nuova legge «La buona scuola», i video girati con il supporto delle scuole, aziende, associazioni, enti ospitanti, saranno caricati sul canale Youtube della campagna «la buona alternanza»

Vittorio Di Vincenzo , Presidente di FINAS-Future Is Now Associazione Studentesca, ha dichiarato: “Il progetto che abbiamo realizzato dopo oltre un anno dalla riforma “La buona scuola”, nasce per richiamare l’attenzione della società e del mondo della scuola  vogliamo sensibilizzare ed informare a livello nazionale i docenti perché realizzino una didattica in alternanza adeguata agli studenti, nel rispetto della legge 107/2015” – e continua – “Il progetto  è totalmente gratuito e ritagliato sulle esigenze degli studenti e delle famiglie nello svolgere percorsi di alternanza scuola lavoro realmente formativi che permettano di acquisire metodologie, didattica e operatività per un orientamento ed una formazione scolastica adatta alle caratteristiche e ai bisogni di ciascuna persona”.l-buona

 

Pompei ideatore della campagna:  gli studenti veri protagonisti del percorso formativo e scolastico,           numerosi sono state le segnalazioni e le “lamentele” che abbiamo ricevuto in merito a percorsi che sono stati considerati poco formativi o una perdita di tempo. L’alternanza deve avere un valore formativo ed orientativo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *