Di Vincenzo Presidente nazionale: Fiducioso nella finas, il festival dei giovani grande strumento per dar voce ai ragazzi

Il Presidente Nazionale dell’Associazione oggi a Roma in un’intervista  ha dichiarato:

“Sono deluso per l’attuale funzionamento di Studicentro, la partecipazione associativa viene meno da mesi, lascio amareggiato il mio ruolo da responsabile nazionale scuola”

Queste le parole di Vittorio Di Vincenzo Presidente nazionale Finas, che insieme ad altri componenti ha lasciato la direzione nazionale dell’associazione studentesca Studicentro. Di Vincenzo che ricopriva l’incarico di Responsabile Nazionale scuola, prosegue:  ” Da mesi la partecipazione alla vita associativa veniva meno, non sono stato presente all’ultima Assemblea nazionale, ma dal verbale della stessa mi sono chiesto se si trattasse di un ‘assemblea o di una direzione nazionale vista la partecipazione dei soli membri della direzione nazionale.”

Sono fiducioso nella nuova avventura alla guida dell’associazione studentesca FutureIsNow come Presidente Nazionale, un associazione che vuole rappresentare gli studenti, e promuovere i giovani talenti che decidono di rimanere nel nostro paese. Per questo motivo stiamo contribuendo  al festival dei giovani di Gaeta, una grande manifestazione che valorizza gli studenti .

Vittorio Di Vincenzo
Presidente Nazionale Finas

 

Il Presidente guarda quindi con fiducia al futuro, evidenziando che le tematiche mission dell’associazione quali arte, cultura, istruzione ed autoimprenditoria, sono anche importanti chiavi di rilancio del sistema paese.

Il dialogo con gli enti di formazione, le imprese attente alla sostenibilità sociale, e  con tutte le realtà dinamiche del paese che integrano il caring people con il welfare  valorizzando i giovani ed  il loro talento, è continuo. Crediamo nel paese dove siamo nati,  per molti giovani nel paese che li ha accolti, o che li ospita, orgogliosi della nostra nazione . Ci impegniamo per far rimanere i giovani nel belpaese , che in questi anni ha visto un emorraggia di talenti in molti campi, perchè il sistema paese non è stato in grado di trattenerli ed attirarne nuovi da altre nazioni.

Serve ridare voce e speranza ai giovani, che in questi ultimi anni vivono un clima di pessimismo a causa dell’alto tasso di disoccupazione e dell’elevata tassazione alle imprese private. Siamo in prima linea per ascoltare e fare da megafono ai giovani italiani, questo è uno dei motivi di partecipazione al festival dei giovani che ci vede tra i partners organizzativi.

Essendo tra i protagonisti del film noisiamofuturo ho potuto esprimere la mia opinione come giovane, ma migliaia di ragazzi e ragazze non hanno avuto questa possibilità. Stiamo raccogliendo la voce degli studenti di scuola ed Università insieme ai nostri stakeholder                                       .

Abbiamo scelto questi luoghi  perchè la formazione è la chiave per il futuro di ogni giovane, ma allo stesso tempo serve ridare loro fiducia nel domani e nel nostro paese. Non ci scordiamo che se il Made in Italy fosse un brand sarebbe il terzo marchio più noto al mondo, dopo Coca Cola e Visa  #Italywhynot

 

BENEW!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *