Bonus cultura

Un miliardo per finanziare la cultura, di cui trecento milioni destinati al bonus di 500 euro per tutti i diciottenni da spendere in attività culturali,  finalmente s’investe nella cultura e nei giovani, anche se le critiche non mancano….

Dopo l’ingresso gratuito ai musei la prima domenica del mese, prosegue l’azione di governo per promuovere la cultura, anche se l’intervento a pioggia per il bonus cultura per i diciottenni è stato criticato da molti . Ci sono aspetti negativi e positivi sull’adozione di questo provvedimento che in ogni caso favorirà gli introiti legati anche a  settori privati come nel caso dei musei (numerose le gallerie ed i musei “celebri” privati , come ad esempio quello della Ferrari a Maranello) e dei cinema, settori che hanno risentito non poco della crisi economica. Certo anche i siti archeologici ed i musei locali vedranno un maggiore afflusso di giovani utenti, ma quanti decideranno di andare al cinema e quanti di andare a Teatro o di vedere una mostra? Difficile calcolare una divisione delle preferenze dei neodiciottenni, certo forse sarebbe stato preferibile legare il bonus in parte al percorso di studi così da favorire una formazione culturale vicina alla formazione scolastica…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *